martedì 1 dicembre 2009

CI SIAMO: SILTAL IN LIQUIDAZIONE....

SILTAL S.P.A. IN LIQUIDAZIONE
Sede legale VIA NIZZA 142 - ROMA (RM) - 00198
Altre sedi AL CE VI
Attivita' OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' HA PER OGGETTO LE SEGUENTI ATTIVITA': L'ESERCIZIO, DIRETTO OD ATTRAVERSO LA PARTECIPAZIONE IN ALTRE SOCIET , IMPRESE OD ENTI, IN ITALIA OD ALL'ESTERO, DI ATTIVIT : DI PRODUZIONE DI APPARECCHIATURE REFRIGERANTI PER LA CONSERVAZIONE DI BENI O PRODOTTI IN REGIME DI FREDDO, DI PICCOLI E GRANDI ELETTRODOMESTICI, CUCINE A GAS OD ELETTRICHE, ARREDAMENTI PER SUPERMERCATI E NEGOZI OD ABITAZIONI, ED IN GENERE TUTTE LE LAVORAZIONI AFFINI E/O COLLEGATE A TALE INDUSTRIA, COMPRESA LA FORNITURA DI IMPIANTI INDUSTRIALI COMPLETI ED ATTIVIT CONNESSE; IL COMMERCIO AL MINUTO ED ALL'INGROSSO DI ELETTRODOMESTICI ED IN GENERE DELLE MERCI DI CUI ALLA TABELLA MERCEOLOGICA NUMERO XII; LA SOCIETA' POTRA', INFINE, ASSUMERE PARTECIPAZIONI E INTERESSENZE IN SOCIETA', CONSORZI E, COMUNQUE , ASSOCIAZIONI DI IMPRESE, SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO, AVENTI SCOPO ANALOGO, AFFINE E/O COMPLEMENTARE AL PROPRIO, E CIO' PUR SEMPRE IN LINEA STRUMENTALE AL PERSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE PREVALENTE E, DUNQUE, SENZA FINI ULTERIORI DI COLLOCAMENTO. POTRA' COMPIERE TUTTE LE OPERAZIONI MOBILIARI, IMMOBILIARI, IPOTECARIE, COMMERCIALI, INDUSTRIALI E FINANZIARIE (QUESTE, OVVIAMENTE, NON NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO) - COMPRESO IL RILASCIO DI FIDEJUSSIONI E LA CONCESSIONE DI IPOTECHE ANCHE A FAVORE DI TERZI - PURCHE' IN LINEA ANCORA DIRETTAMENTE STRUMENTALE AL PERSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE ORDINARIO E, COMUNQUE, ENTRO I LIMITI SEGNATI DALLA VIGENTE LEGISLAZIONE.

123 commenti:

Anonimo ha detto...

Chissà perchè questa notizia non mi sorprende neanche un pò!!!!!

Anonimo ha detto...

la cosa bella che adesso questo sindacato di merda vorrebbe che noi operai lo aiutiamo anche a fallire!facendogli i decreti!gli facciamo solo che un piacere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Come ho sopracitato questa notizia non mi sorprende .....che la Siltal avrebbe fatto questa fine (anche se speravo di no) in cuor mio l'avevo capito dal momento che l'ing. Buble ha abbandonato il suo posto,era lampante che doveva finire così.
Sono la prima ad essere dispiaciuta e arrabbiata dico solo una cosa che rimane comunque il mio parere personale,niente accuse e polemiche.Che la Siltal riapra rimane un sogno o un miracolo(ma ai miracoli non ci credo da un pezzo e i sogni rimangono sempre nei cassetti)perciò cerchiamo di ricavare il massimo possibile non c'è altro da fare.
Un saluto a tutti.

Anonimo ha detto...

Speriamo che il procedimento di liquidazione si concluda con una vendita, magari ad una ditta più seria!

Anonimo ha detto...

cerchiamo di ricavare il massimo possibile senza fare i decreti pero'perche'lo aiuteremo solo a fare i suoi porci comodi!e'chiaro???spero di si!!!!

Anonimo ha detto...

Speriamo di venire acquistati da un imprenditore serio con la volontà di ricominciare....IMPRENDITORI con la I maiuscola ne esistono ancora ....chissà sia la volta buona.
Coraggio colleghi non diamo ancora niente di perduto magari c'è ancora qualcuno disposto a puntare su di Noi.
Testa alta e schiena dritta!!!
Ciao.

Anonimo ha detto...

Da La Stampa di oggi 02 dicembre 2009 -
Annuncio a sorpresa via fax "Siltal messa in liquidazione"
Silvana Mossano - Ticineto-
La notizia della messa in liquidazione del gruppo Siltal è arrivata ieri via fax allo stabilimento di Ticineto quando l'assemblea tra gli impiegati,senza stipendio da tre mesi,e i sindacati stava finendo con la decisione di chiedere un incontro istituzionale al Prefetto, alla Provincia e ai Sindaci del territorio.
Il fax inviato dalla proprietà ai dirigenti è stato letto e la notizia si è diffusa velocemente."Che cosa significhi questa mossa dobbiamo cercare di capirlo" dice Mirko Oliaro, il sindacalista della Cgil , che con Tonio Anselmo della Cisl, e Alberto Pastorello, della Uil,segue la vertenza Siltal da anni. Una prima occasione di confronto potrebbe presentarsi già domani,perchè circola voce che i tre liquidatori,nominati dell'entourange del patron Gabrio Caraffini, saranno a Ticineto.Da qui l'appello dei sindacati ai lavoratori Siltal di trovarsi domattina davanti allo stabilimento per un presidio,in modo da perorare un immediato incontro tra una delegazione sindacale e gli stessi liquidatori,proprio per capire quale futuro si prospetta. Allo stesso tempo, e con un motivo di discussione in piu',è già partita la richiesta per il vertice con Prefetto,Provincia e Sindaci,forse tra l' 8 e il 10 dicembre.

Passate parola -

C.Pellegrino -

Anonimo ha detto...

allora l'incontro con i tre liquidatori c'e'stato?cosa hanno portato?oro incenso e mirra???

Anonimo ha detto...

Dopo la Selfin anche la Siltal di Pignataro in liquidazione
(4 dicembre) Come se Caserta fosse un buco nero, un reame maledetto dove ogni progetto di risanamento industriale si rivela fallace, se non, in alcuni casi, del tutto mendace. Accade così che in meno di 15 giorni, due aziende storiche, entrambe accomunate da un travagliato iter (24 mesi di amministrazione straordinaria ex Prodi Bis, acquisizione in blocco da parte di un gruppo terzo ³accreditato² dal Ministero e purtroppo zero progetti di rilancio) sono arrivate quasi contemporaneamente al capolinea.

Prima è toccato alla Selfin di via Ponteselice, due giorni fa alla Siltal di Pignataro Maggiore. L¹acquisizione per ventisette milioni di euro di tutti gli stabilimenti ex Iar Siltal (compresa la Silia spa, dove si producevano 168 mila lavatrici con sportelli frontali e 28 mila pezzi con sportelli laterali, ma anche frigoriferi) da parte della holding umbra Gepafim - oltre 150 milioni di euro di fatturato all¹anno, 17 società industriali e immobiliari controllate - non ha sortito gli effetti sperati. Ma l¹annuncio dell¹avvio delle procedure di liquidazione ha sorpreso tutti, anche se è stato anticipato due giorni fa da un fax inviato dal quartier generale umbro allo stabilimento gemello di Ticineto, dove si annunciava la dismissione coatta di tutte le aziende del gruppo ex Iar Siltal. Salutati come i salvatori della patria, gli uomini della Gepafim hanno adottato una strategia simile a quella messa in campo dalla Comdata che ha acquistato la Selfin. Una volta terminati i due anni in cui la Prodi Bis vieta qualsiasi operazione finanziaria con le aziende in amministrazione controllata, sono iniziati i problemi. Stipendi non pagati, incontri al ministero disertati, commesse dirottate altrove, progetti industriali mai presentati. Compreso quello per la refrigerazione passiva, di cui Gepafim detiene il brevetto europeo. Ed è rimasto nel cassetto dei sogni anche il prototipo di Beatrice, la mini-lavatrice con cui si puntava a rilanciare lo stabilimento di Pignataro. E¹ pur vero che i pessimi presagi, in questi mesi, si sono succeduti ad un ritmo impressionante. Nell¹agosto del 2008 venne annunciato nel corso di un vertice al Ministero dello Sviluppo Economico un buco di bilancio pari a venti milioni di euro. Subito dopo, verso settembre, il top manager della Gepafim, Gabrio Caraffini dichiarò ai quattro venti di voler vendere uno dei ³gioielli di famiglia² della holding, la Trafomec spa (per un valore di mercato pari a 30 milioni di euro). Ma la cessione a terzi non andò in porto. Così come si rivelò una bufala la grande scalata ai vertici della Siltal della Trevisan, azienda rinomata a livello mondiale nell¹impiantistica per l¹estrusione e la verniciatura dell¹alluminio. Ennesimo annuncio flop. E così venne paventato l¹ingresso nel cda di un terzo investitore, la Soipa S.p.a, la quale avrebbe dovuto garantire un aumento di capitale mediante il conferimento del 100% delle azioni della Siltal. Ancora parole, parole e soltanto parole. Intanto, si attendono notizie da Ticineto, dove ieri i tre liquidatori nominati da Gepafim hanno incontrato i lavoratori e i rappresentanti sindacali, determinati ad ottenere un incontro che possa chiarire definitivamente quali siano le reali prospettive per le centinaia di famiglie che alla vigilia di Natale potrebbero ricevere la sgradita notizia di aver perso ogni speranza di conservare il proprio posto di lavoro. E i lavoratori di Pignataro, nel girone dei disoccupati, si ritroveranno in compagnia dei colleghi della Aos, altra società in liquidazione operante nel comune caleno.

...da LUNA SET CAMPANIA....giovedi 3 dicembre 2009 gp bassano

Anonimo ha detto...

Da Il Monferrato di oggi 4 dicembre 2009 -
La situazione Siltal-
Intanto ieri mattina si è svolto l'incontro dei sindacati con i tre liquidatori dell'azienda e un lungo presidio dei lavoratori davanti all'azienda di Ticineto , dopo che nei giorni scorsi era arrivata a sorpresa la notizia che - appunto - l'azienda era stata messa in liquidazione.
"Per noi era fondamentale capire se avevamo titolo per avanzare la richiesta per la cassa integrazione e come intendevano procedere per il pagamento degli arretrati di chi ha lavorato in questi ultimi mesi e non ha ricevuto lo stipendio".
Incontro in Prefettura -
Se sulla richiesta di cassa i commissari hanno dato rassicurazioni,sulla seconda questione non hanno potuto rispondere in quanto essendosi appena insediati non erano ancora al corrente dello stato di cassa.
Hanno invece rassicurato sul pagamento per chi lavora dopo il 26 novembre ,data in cui sono stati nominati.
I sindacati hanno allora chiesto che forniscano informazioni durante l'incontro fissato in Prefettura il porossimo 9 dicembre . Tra le cose emerse ieri anche la rassicurazione dei commissari che il loro mandato sarebbe quello di "salvare l'azienda;non abbiamo pero' capito come , forse cercando nuovi acquirenti?"si chiedono i sindacali.
Le ingiunzioni procedono -
Intanto i lavoratori procederanno in ogni caso con i decreti ingiuntivi di pagamento e il 10 dicembre potrebbe invece svolgersi un incontro al Ministero. La speranza è di vederci finalmente chiaro e di avere informazioni che da troppo tempo mancano.
m.f.

C.Pellegrino-

Anonimo ha detto...

voci molto sicure, dicono che la baxi dovra' svuotare tutto il magazzino di bassano entro fine giugno.. ma non si parla di un nuovo imprenditore.. ma di un nuovo centro commerciale.. e sicuramente sotto c'e' ancora il signor caraffini.. visto che ha anche le mani in pasta...non ci sperate in una nuova apertura...anche se penso che ormai ve ne dovreste essre accorti da tempo...lo so che la speranza e' l'ultima a morire.. ma in questo caso e gia morta nel cambio tra iar e siltal..adesso sara' dura a portare a casa i soldi. ciao.

Anonimo ha detto...

senti caro anonimo, certe supposizioni falle tranquillamente davanti al grisù, magari con il tuo solito spritz, ma tientele per te, o per pochi tuoi intimi... perchè qui, già c'è tanto casino, se poi ci mettiamo anche le 'voci sicure' e quant'altro stiamo freschi. Se poi parli di centro commerciale, ti invito a recarti in cumune di bassano, visiona il pat, sempre che ti lasciano entrare e sempre tu sappia cosa sia... Senza offesa....

Anonimo ha detto...

bravo/a... comunque se sei ancora illuso nella riapertura e' meglio che vai tu davanti al grisu' a bere lo spritz...e mi sa che ne berrai tanti...vedremo chi avra' ragione.

Anonimo ha detto...

A Tutti i colleghi Siltal ricordo :

Domani 9 dicembre si va Tutti ad Alessandria per la convocazione di Prefettura e Provincia - Si parte in pullman alle ore 9.00 dal piazzale vicino al casello sud dell' autostrada di Casale Monferrato ,(piazzale ex ristorante I Templari per chi non lo sapesse)-
Non mancate -

C.Pellegrino -

Anonimo ha detto...

La Meneghetti raddoppia
e compra la lombarda Fulgor
Martedì 8 Dicembre 2009,
ROSA’ - Nonostante la crisi, la Meneghetti di Rosà, che produce piani di cottura e forni per le maggiori marche italiane e estere di elettrodomestici, investe.
Il fatturato era passato dai 78 milioni di euro nel 2007 ai 63 del 2008. Ma i fratelli Gianni e Tiziana Meneghetti, invece di ridimensionare l’attività, hanno rilanciato acquisendo dal fallimento il ramo produttivo della Fulgor di Gallarate, leader nella produzione di piani di cottura e forni da incasso per cucine d’alta gamma. Per il rilancio dell’azienda si prevedono investimenti per oltre 5 milioni di euro.
La Fulgor, sessant’anni di storia, prima del tracollo era leader negli Stati Uniti, rifornendo committenti del calibro di Whirlpool, Bsh, Viking, General electric. Contava 7 filiali e con 104 dipendenti, nel 2007 aveva raggiunto un fatturato pari a 36 milioni di euro suddivisi tra Europa e Stati Uniti.
Meneghetti prevede nei prossimi tre anni di riportarla sopra i 30 milioni di euro, riassorbendo 75 dei 104 dipendenti e mantenendo anche le filiali di Usa, Francia, Spagna, Portogallo e Romania. A sua volta, la Fulgor, per le su elinee destinate all’Europa, si servirà di apparecchi della Meneghetti: la sinergia permetterà alle due aziende di aumentare le quote di mercato. Gianni Meneghetti si dice ottimista: «Il 2010 sarà l’anno del rilancio del gruppo sia per fatturato sia per volumi».

Anonimo ha detto...

non fate i decreti ingiuntivi!fate solo un piacere a caraffini!!!!

Anonimo ha detto...

Da "Il Monferrato" di oggi venerdi' 11 dicembre 2009 :
Accordo raggiunto in Provincia.
Siltal:lunedi' 14 gli stipendi degli impiegati.
A Roma nuovo vertice al ministero delle Attività produttive il 21 per capire quale sarà il futuro dell'azienda.
Alessandria.
Accordo raggiunto mercoledi' in Provincia per il pagamento della mensilità di settembre agli impiegati della Siltal,da tre mesi ormai senza stipendio.
Passaggio essenziale anche per garantire la continuità amministrativa e con essa le pratiche per l'attivazione degli ammortizzatori sociali ai lavoratori in cassa integrazione.
L'accordo è stato raggiunto durante un incontro che si è svolto in provincia mercoledi',presente l'assessore provinciale al Lavoro Massimo Barbadoro,i sindaci di Casale Giorgio Demezzi e di Ticineto Fiorenzo Scagliotti,i sindacalisti Mirko Oliaro (Fiom),Tonio Anselmo (Fim) e Alberto Pastorello (Uilm), uno dei tre liquidatori- il ragionier Roberto Belli - e un consulente della società,Carlo Lodigiani . Infine il consigliere provinciale Nicola Sirchia.
Lunedi' 14 si procederà al bonifico della mensilità di settembre e sarà comunicata la rateizzazione delle altre mensilità in sospeso.Lunedi' prossimo si svolgerà un nuovo incontro al ministero delle attività produttive allo scopo di capire la situazione dell'azienda da ora in avanti .I liquidatori hanno ribadito di voler vendere l'azienda per rilanciarla.
Increduli i sindacati che sottolineano che ci sono decine di milioni da versare solamente per quanto riguarda il Tfr.

C.Pellegrino

Anonimo ha detto...

non fate i decreti ingiuntivi fate solo un piacere a caraffini!se non fate i decreti lui e'costretto a liquidare prima di chiudere,se fate i decreti la fa fallire e chi ci perde i tfr saremo noi,che dovremo aspettare anni!!!!

Anonimo ha detto...

QUALCUNO SPIEGHI COSA E' CONVENIENTE PER NOI LAVORATORI E PERCHE'...POSSIBILMENTE CITANDO ANCHE LA FONTE GRAZIE A TUTTI .

Anonimo ha detto...

CARO AMICO TU CERCHI DI PORTARE A CASA IL TUO MISERABILE TFR NOI CERCHIAMO DI SALVARE IL POSTO DI LAVORO . SCUSA SE E' POCO !

Anonimo ha detto...

il posto di lavoro?e come facendo il decreto ingiuntivo a uno che ha deciso di chiudere?miserabili sono coloro che in nome del sindacato fanno l'interesse del padrone e di pochi altri!mi spieghi come fai a salvare il posto di lavoro facendo i decreti?e poi i tfr di 20 anni di sudato lavoro per te non e'nulla??che idiozie che si dicono!!!NON FATE I DECRETI!LA FONTE BASTA CHE VI INFORMATE SU COME SI AVVIA LA PROCEDURA DI LIQUIDAZIONE E PERCHE'FACENDO I DECRETI ADESSO FACCIAMO SOLO UN PIACERE A CARAFFINI!!

Anonimo ha detto...

Comunicazione Sindacale :

L'incontro a Roma è rinviato al 21,richiesta fatta dai Commissari per avere il tempo di preparare tutti i conteggi ,si parla di nuovo piano industriale.

(Per quanto riguarda la cassa integrazione di ottobre a Ticineto dovremmo ricevere i bonifici il 15 del mese).
Passate parola.

C.Pellegrino

Anonimo ha detto...

ECCO SPUNTA UN NUOVO PIANO INDUSTRIALE TI SEMBRA POCO CARO AMICO (DEL TFR ) . ?

Anonimo ha detto...

Ma tu credi ancora ai piani industrial? Allora credi anche a Babbo Natale..non hai ancora capito cosa vuole questo cCaraffini? di sicuro riaprire penso proprio di no... e di sicuro gli operai anche se sono in mille uniti non fanno niente se il padrone non vuole riaprire.. di sicuro quello che parla di t.f.r. ha capito che dopo tutto sara' dura anche a portare a casa il t.f.r.

Anonimo ha detto...

vorrei dire una sola cosa , x l'eta' che abbiamo noi è difficle credetemi trovare un'altro lavoro tempo indeterminato oggi...se c'è qualcosa ancora da salvare vale la pena tentare sempre

Anonimo ha detto...

ma tentare cosa?e poi'non hai spiegato ancora come un decreto ingiuntivo possa salvare il posto di lavoro?me lo spieghi o questa e'l'ennesima dimostrazione che molti parlano giusto per il gusto di parlare!!!

Anonimo ha detto...

Allora mettiamo in chiaro una cosa il nostro obbiettivo e' cercare di ottenere il massimo profitto da questa situazione .

Abbiamo due strade la liquidazione o il fallimento .

La liquidazione come cessazione di attivita' a noi lavoratori non porta nessun beneficio.

Partendo dal punto che dovrebbe comunque vendere per poter liquidare i tfr , si arriva sempre alla speranza che qualcuno voglia acquistare .

Un ipotetico acquirente che si accolli i tfr e parte dei lavoratori (certo non tutti )
potrebbe essere uno scenario auspicabile (sempre per il bene dell'azienda )

A questo punto il caraffa avrebbe raggiunto il suo scopo tenersi alcuni immobili appetibili e disfarsi dei lavoratori .

IL fallimento invece toglierebbe tutto dalle sue mani e eventuali curatori fallimentari non farebbero altro che tentare una vendita per monetizzare .

Come vedi tutte le strade portano a ROMA .

Spero che tu possa confutare la mia tesi con qualche obbiezione intelligente (amico del tfr )

Anonimo ha detto...

se a roma si vuole si puo' fare tutto...pur di salvare posti di lavoro ricordatelo

Anonimo ha detto...

E' proprio bella questa storia... siete ancora convinti..anzi.. non volete ancora rendervi conto che non c'e' piu' niente da fare... andate a Roma.. Roma e' sempre bella da vedere.. ma fidatevi che se a roma interessava questa vicenda avrebbero gia fatto qualcosa.. il problema e' che a loro proprio non gli interessa niente!L'unica cosa che potete fare,e' ringraziare il sindacato di tutte le balle che vi ha sempre raccontato, invece di dire la verita' gia dall'inizio.

Anonimo ha detto...

..e quindi i decreti ingiuntivi acosa servono?non l'hai spiegato ancora...

Anonimo ha detto...

allora, visto che tu povero anonimo non hai più speranze, non ti fidi più di nessuno, bendati, sali sulla spalletta di un ponte, ma prima di gettarti, sparati un colpo, ma prima ancora respirati del gas nervino, così, se non ti fidi del salto del ponte e della pistola, almeno ti fidi del gas, ma attento, non ti fidare del gas..prima ancora con i pochi soldi che ti sono rimasti, pagati un cecchino fidato, che almeno ti finisca subito dopo il lancio........

Anonimo ha detto...

tu invece continua a vivere nel mondo dei sogni..

Anonimo ha detto...

Comunque la parola ROMA era una metafora , caro amico del tfr ....

Nel senso che ...dobbiamo sperare in un acquirente sia in caso di fallimento sia in caso di liquidazione.

Il punto e' se il timone di manovra dobbiamo lasciarlo a caraffini con la liquidazione oppure allo stato ai sindacati ai lavoratori con il fallimento ?

Ma dimenticavo a te interessa il tuo miserabile tfr a te che ti frega ... sono daccordo con chi dice che ti dovresti suicidare !!!

ciaoo ciaoo

Anonimo ha detto...

Dal sindacato :

slitta al 23 dicembre alle 11 l'incontro a Roma convocato dal Ministero per la Siltal . I liquidatori hanno chiesto una proroga.

Passate parola.

C.Pellegrino -

Anonimo ha detto...

BABBO NATALE
Cari ex colleghi nei dubbi fate sempre il contrario di quello che vi "suggerisce" il sindacato. Dove sono finiti ora? sono spariti da mesi e non pensate di disturbarli ora che non c'è solo la Siltal in difficoltà... anzi abbiamo già fatto troppo per questa azienda... chi voleva capire è scappato gli altri sono rimasti per cosa?... rinascere? non esiste nessun piano industriale, la refrigerazione passiva il Gabrio la venduta che non era sua ed ora ha una bella causa...ma cosa credete ancora? guardate i fatti: da quando c'è lui un disastro. Guardate le sue altre aziende: tutte in fallimento. Non c'è speranza. Il sandacato comunque vi aveva avvertito che a questo non interessava niente. Invece di fare tanti cortei andate a casu sua oppura a Cortina, lo conoscono bene li.... in tutte le sedi il personale speciallizato se ne è andato, non è rimasto nessuno, anche se arriva Babbo Natale con miliardate di euro ci vorrebbero anni per ripartire... in tutti gli stabilimenti ci sono macchine pignorate, qui a Ticineto non si sa cosa è nostro o no... lasciate perdere e cercate fortuna altrove se la trovate o se ne avete voglia...questa non è una situazione di crisi questa è la realtà!!! Tutte le aziende di elettrodomestici se ne stanno andando e voi credete ancora a GABRIO!!!

Nostradamus
NOSTRADAMUS

Anonimo ha detto...

AMEN!!!

Anonimo ha detto...

la madre degli sciocchi è sempre incinta!

Anonimo ha detto...

l'albero dei makaki è sempre pieno di frutti.....vai a fare compagnia a quello del ponte di ieri, sempre che tu non sia la stessa persona...!

Anonimo ha detto...

certo spera...

Nostradamus

Anonimo ha detto...

Ragazzi per favore dateci un taglio
a insultarvi a vicenda,penso che la situazione sia già triste di suo non aggiungiamo scempio allo scempio!!!
Comportandovi così primo non risolvete i problemi e secondo non ci facciamo una gran bella figura e diamo pure l'impressione di meritarci quello che ci stà succedendo. Non prendetela come una critica il mio è solo un consiglio,poi fate quello che volete,senza rancore.
Un saluto a tutti i colleghi dei 3 stabilimenti.
Dipendente Siltal Bassano.

Anonimo ha detto...

hai ragione, le offese e gli insulti sono la peggiore cosa. Ma non è possibile che ci siano persone che ti masticano le palle, ogni giorno, con le solite storie strapessimistiche. Siamo sognatori? forse. Troppo ottimisti? forse. Ma a tutte le situazioni, in fondo c'è una soluzione. Abbiamo trovato un delinquente che ci ha fregato per due anni? Può sempre starci che qualcosa o qualcuno sia diverso da quest'ultimo. Certo, nessuno regalerà nulla, e questo noi non lo vogliamo e nemmeno lo speriamo. Si spera solo che se qualcuno arriva, abbia almeno il rispetto delle regole, tutto qui.

Anonimo ha detto...

Bravo nostradamus.. la gente si incazza.. ma tu non hai detto altro che la verita'... per questo si incazzano... ma chi sarebbe il pazzo che con questa crisi riapre una ditta del genere?con tutti i macchinari fermi da oltre un anno e ormai da buttare? poi tutto il personale un po' qualificato se n'e' andato.. La gente non sa neanche cosa significhi ripartire con un'ativivta' di quelle dimensioni... una cosa impossibile...di questi tempi.. certo che ci sara' un compratore.. e' un bell' investimento... un'area di quelle dimensioni in un posto del genere...ma non di sicuro per ripartire... forse vent'anni fa era fattibile.. ma adesso no..

Anonimo ha detto...

IMMAGINATE UNA DITTA DI FRIGO DICIAMO CUGINA ... IMMAGINATE GENTE .....

Anonimo ha detto...

iarp??

Anonimo ha detto...

X TICINETO DOMANI SI FIRMA !!!!

Anonimo ha detto...

SCUSATE MA SE IL CARAFFA FA UN SUPERMERCATO A BASSANO .....

FATE UN ACCORDO AFFINCHE' DEBBA ASSUMERE TRA GLI EX SILTAL !!!!

MEDITATE GENTE !!

Anonimo ha detto...

Conferma sindacale per i colleghi di Ticineto :

Domani , giovedi' 17 si firmano le deleghe all'INPS per la cassa integrazione di novembre .

Passate parola.

C.Pellegrino

Anonimo ha detto...

Gabrio Natale
Compra anche Tu Gabrio Natale!!!

Vi sarete tutti accorti che nei negozi è apparso Gabrio Natale!
Il pupazzetto che se gli tiri due sberle in faccia comincia a dire" Refrigerazione Passiva bla bla bla, nuovo piano industriale bla bla bla, vendo i gioielli di famiglia per salvare la Siltal bla bla bla, vi pagherò ogni mese bla bla bla "
solo 5 euro!!!

Offerta valida solo per i possesori della Siltal card (se non l'avete ancora ricevuta dai vostri rappresentatanti sindacali basta anche un foglio di carta igienica)....

aggiungendo 2 euro puoi avere il pagliaccetto evasio
il bla bla bla originale)

con 1 euro
la valletta Serena
(gioco dell'orrore)

oppure con 0,50 cent
puoi partecipare al gioco a premi
"Grattati e Vinci"
due sputi gratuiti sul tuo sindacalista preferito

vale per anche per gli amici di Pignataro...

per iscrizioni:
gabrio.pagliaccetto@liberoancoraperpoco.it


Nostradamus

Anonimo ha detto...

Bravo Nostradamus
bel discorso,secondo te è servito a qualcosa quello che hai scritto??
Una marea di parole e basta, cose risapute che non ci portano a niente....quando scriviamo cerchiamo di essere costruttivi che di gente che distrugge ce n'è già abbastanza!!!!!!!
Senza rancore,dipendente Siltal Bassano.

Anonimo ha detto...

Caro mio,
ma dove vivi?
Qualcosa di costruttivo quando che quelli PAGATI per farlo non lo hanno fatto?

Sveglia!!!

ma non vedi che un laureato fa fatica a trovare lavoro in catena di montaggio e voi volete ancora pretendere che la società vi trovi un posto di lavoro!!!

I qualificati della Siltal chi sono? presunti saldatori o professionisti dell'avvitatore?

Cerca di essere realista invece... chi vuoi che compri una fabbrica che non può ripartire mettendo una marea di milioni di euro?

Prodotti vecchi, impianti fatiscenti, personale qualificato che se ne è andato e pensi che qualcuno la voglia comprare?

Va bè che è Natale ma basta ora...

Apri gli occhi e vedrai che la realtà non è quella che ti vogliono fare credere!

Apri gli occhi e prova a pensare perchè si è ridotta così:
ci sono degli pesciolini che abboccano a tutto.

A proposito Ti interessa un pupazzetto o no?

Anonimo ha detto...

MAX smettila o dico a tutti il tuo cellulare !

Anonimo ha detto...

Caro Nostradamus
io gli occhi gli ho ben aperti non serve che venga tu a dirmi o a ricordarmi di aprirli!!!!

E'una vita che lavoro in fabbrica,
ho vissuto altre realtà come la Siltal mi sono sempre rimboccata le maniche da brava operaia e ho sempre trovato qualcosa di dignitoso da fare.
Lo sò che questo è un brutto momento e si fà fatica a trovare lavoro ma di certo le mie forze non le spreco a recriminare il sindacato,il proprietario (che non gode della mia stima) come pure l'amministratore delegato e il capo del personale.
Neppure aspetto che la società mi trovi un'altro posto di lavoro,penso sia il governo che deve accorgersi di quanto stà succedendo in tutta Italia e non solo alla Siltal!!!!
Per quanto riguarda la riapertura della nostra azienda quella è una speranza che ho perso da anni...ma la speranza che qualche valido industriale subentri per fare qualcos'altro quella c'è ancora e di certo se succederà avrà bisogno di persone serie che non vendano possibilmente pupazzetti!!!
Ti lascio augurandoti un sereno Natale.
Ciao senza rancore dip. Siltal Bassano.

Ps: non avere l'animo così avvelenato ti fà male alla salute!!

L.G. ha detto...

Non x fare polemica ma riavviare un'azienda non credo sia cosi' impossibile anche se come dici il personale piu' qualificato è andato via ...ma mi chiedo quelli che sono rimasti sono talmente dei ritardati mentali da non poter svolgere il lavoro rimasto vacante ???' nessuno di noi credo abbia fatto nessun corso di specializzazione x montare una vite o usare un'avvitatore !!!! personalmente essere chiamato incapace non mi va proprio.

BUNON NATALE A TUTTI

Anonimo ha detto...

mi considero una persona.. abbastanza educata, ma sentire certe sviolinate, dai pupazzi al non c'è più niente da fare, veramente da l'idea di quanto sia basso il volume della discussione. Mi vien da pensare che il caraffini (e scrivo volutamente in minuscolo il suo povero nome) di turno, faccia quasi bene ad approfittare della situazione, tanto la controparte (noi) ha già chiara l'idea di come va a finire... Ma allora caro o cari anonimi che tuonate contro il sindacato, che dite da tempo il prezzo del libro già chiuso, perchè non andate da chi sostituisce la miss cesso e non date le dimissioni? tanto come dite, manco il tfr prenderemo... perchè non vi togliete dal libro paga siltal o inps e magari anche da questo blog? ma vi rompe così tanto che ci sia gente come me che crede in un futuro meno nero di adesso?? che considera chi ci tutela non dei venduti, ma semplicemente delle persone che cercano di fare del loro meglio?? ripeto, vi rompe così tanto?? Parlo di bassano: costruiranno palazzi?? certo!! e le spese di bonifica del sottosuolo?? e lo smantellamento dello stabile?? lo pagate voi, cari pessimisti?? e poi comprate un appartamento che, tolte le spese di smantellamento e bonifica, costa all'immobiliare più o meno il doppio di un appartamento in pieno centro storico?? fanno un centro commerciale?? certo!! subito!! e poi questa volta i commercianti a bassano, si fingono kamikaze e si fanno esplodere in municipio.. Cosa succederà?? Quale sarà il futuro?? dipende molto da chi, ancora una volta viene continuamente bersagliato di critiche, e non da chi, parla di pupazzi e 'non c'è più niente da fare'...come sempre, loro stanno alla finestra, aspettando e criticando, come il loro solito.

Anonimo ha detto...

Forse qualcuno non ha capito...

Il sig. Gabrio, che da ora in poi chiameremo "PAGLIACCIO" non gli interessa vendere....

Voleva la proprietà che vale 45 milioni di euro per pochi soldi (15 milioni). Ora la proprietà è sua e non vuole certo venderla, ora che non conviene...

Un domani chissà ...

Non gli interessa ne un supermercato (ormai è pieno)ne fare appartamenti...

voleva la proprietà e adesso è sua...

i sindacati e i politici si sono fatti fregare....

ecco perchè non ci saranno altri posti di lavoro o nuovi investitori...

Il pagliaccio è solo un'immobiliare... guardate la sua storia industriale, è tutta un fallimento per tenersi le proprietà...

L'ex Elba, ex Madras, ex ecc.ecc.ecc dopo un pò non interessa più a nessuno...

Eravamo in 600 , ora siete in 200 la voce è sempre più sottile...

non la sente più nessuno oramai...

è inutile sperare è finita...

Lo vedete voi stesso. il blog non lo vede più nessuno... i sindacati spariti... volantinaggi...


Basta....

tra poco finiranno anche gli ultimi soldi della cassa integrazione e dopo ???

continuare a sognare o vedere la realtà?...

Adesso arrabbiatevi, insultate ma la realtà è questa... se non firmate il decreto vi ricateranno che allora è in pericolo la cassa integrazione...

il PAGLIACCIO ha vinto...


NOSTRADAMUS

Anonimo ha detto...

Bravo Nostradamus... sono pienamente d'accoedo con te..ma forse qualcuno non vuol rendersi conto...il presidio e' sparito.. gli operai sono spariti..il blog non viene quasi piu' aggiornato..i sindacati spariti.. (anzi secondo me mai esistiti)e gabrio se la ride..quello che voleva l'ha ottenuto...e sicuramente guardera' anche lui il blog.. e dira'.. non si sono ancora svegliati.. lasciamoli sognare ancora un po'..

Anonimo ha detto...

Già... qui tutti continuano a parlare di nuovi investitori, ma se la terra è di Gabrio non la vende a nessuno...

ora vale 10... provate a pensare cosa vale tra 10 anni...

Lui ha rispettato gli accordi con i sindacati e governo... a modo suo... non ha licenziato nessuno, non ha chiuso fabbriche, quindi la proprietà è sua...

E tutti sapevano...

Ora si indegnano, non è possibile... forse conviene fare come vogliono i lavoratori rimasti...

1.000 posti di lavoro nel nuovo piano industriale!!!

Mensa e asilo per tutti!!!

Aumento salariale di 300 euro!!!

Forse nessuno sà che il piano industriale per il gruppo NESSUNO LO HA MAI VISTO!!!
NEMMENO I SINDACATI!!!
NEMMENO AL GOVERNO!!!

LA GRANDE ABILITA' DI GABRIO E' FAR CREDERE E RIMANDARE CONTINUAMENTE...

NON FIRMATE DECRETI AGGIUNTIVI, NON FATELO!!!

DOPO SARA' TUTTO SUO... NON HA RISPETTATO UNA PROMESSA IN 3 ANNI...

LO FARA' ORA?

GUARDATE SU INTERNET CHI E' GABRIO!!!


NOSTRADAMUS

Anonimo ha detto...

Caro Nostradamus sono d'accordo con TE!!!
E' Natale ed bisogna essere più buoni ma credere a tutto proprio no.E' vero molti di noi hanno cercato lavoro ma ti trovi davanti persone superspecializzate. Sono andato recentemente in ufficio dal sostituto del sostituto del sostituto Direttore ed è un disastro. E' venuto giù tutto. il soffitto non esiste. E qualcuno parla di riaprire o di nuovi investitori. Me la detto chiaramente il sostituto: non esiste nessuna possibilità di riaprire.Stanno tagliando la corrente, non c'è più il custode e stanno pignorando le macchine, anzi un pò le hanno già portate via.Invece di parlare tanto qualcuno dovrebbe andare di persona a vedere.I meccanici se ne sono andati tutti, i responsabili anche. Mi ha detto che da gennaio non si riaprirà probabilmente più.

Una dipendente stanca

Anonimo ha detto...

allora caro Nostradamus, visto che prevedi il futuro, visto che SAI come va a finire, visto che secondo te lo Stato dove vivi e specialmente le sue leggi le consideri come il pagliaccio,cioè carta straccia, consiglia NOI, popolo che vive alla giornata cosa fare. Gambizziamo il pagliaccio così ci sfoghiamo? Girovaghiamo per le agenzie di lavoro alla ricerca di un contratto bigiornaliero?? Di una cosa hai ragione, e da vendere: non si vede più nessuno. Presidi zero, iniziative zero, coinvolgimenti di autorità locali meno ancora..ma il fatto che più fa pensare e che, firmata la cig, ritorna il silenzio, assoluto. Di questo hai ragione. Ma quando uno come te fa queste affermazioni, gioca d'obbligo anche dire o scrivere cosa SI dovrebbe fare. Allora SI che saresti credibile. Io sono come tutti gli altri. Ci spero ancora, sogno, come dici tu. Ma so anche che qualsiasi iniziativa che finora è stata presa, dal 2002 in poi, ho la certezza di dire... io c'ero....

Anonimo ha detto...

concordo,facendo cosi facciamo solo il gioco del caraffa facendogli capire che non lotteremo piu'... io sono e saro' sempre presente sciopero manifestazioni fino all'ultimo respiro,come ho sempre fatto e sempre faro',sveglia colleghi che un lavoro oggi come oggi non lo troviamo piu'.

Anonimo ha detto...

La baxi per febbraio deve svuotare il magazzino.. forse perche' senno pignorano anche il loro materiale? Comunque e vero.. andate a vedere gli uffici.. piove dentro.. ci sono le celle dei frigoriferi per prendere l'acqua.. i lucernari del magazzino ancora rotti dalla tempesta di maggio.. come si fa a credere in una riapertura?

Anonimo ha detto...

Bene, almeno ho letto di qualcuno che finalmente ha capito la reale situazione. Caro mio mi firmo Nostradamus non tanto per fare ma perchè sono nella posizione di sapere le cose giuste.Se i sindacati ti propongono di fare il decreto è:
1-farvi avere la cassa integrazione fino a giugno e dopo chiusura totale.
2- Si sono trovati nella trappola del pagliaccio e vogliono salvare la faccia.
3- era tutto studiato a tavolino e tutti sapevano.

Il capo del personale dove è finito? E' stata spostata alla Trafomec... lei è specialista in chiusure...dolci

L'ex amministratore Delegato Novarese?
Fuori dal consiglio di amministrazione...

Quella della Bax è una notizia vera... devono sgombrare il magazzino entro breve e probabilmente è per paura del pignoramento dei loro beni...

Nessuna delle persone rimaste è in grado di avere le informazioni per ripartire, meccanici compresi.

Non esiste più il l'ufficio tecnico centrale, la sala prove è stata pignorata (invenduta alla prima asta), Abbiategrasso è in vendita da 2 anni e non esistono compratori, a Bassano non interessa a nessun industriale quell'area per non avere problemi con il comune (traffico e rumore).
Ticineto è in una valle della morte e a Pignataro te la regalano se la prendi...

Cosa fare?

Chiedetelo ai sindacati che hanno mangiato di promesse, dalla cassa integrazione vi viene ancora richiesta la quota mensile....

Non fate quello che dicono loro...

Anonimo ha detto...

Quella della Bax è una notizia vera... devono sgombrare il magazzino entro breve e probabilmente è per paura del pignoramento dei loro beni...
.......................
.......................
Scusa ma chi vuoi prendere in giro??????? Ci fai o ci sei???
Pignorano i beni di un'altra ditta? Ma quanti spritz bevi? Forse ti conviene bere meno alcool.

Anonimo ha detto...

Forse non mi son spiegato bene.

Ti informo che quando pignorano un'azienda quello che è dentro è dentro, viene sigillata e per riavere i tuoi beni vai avanti per mesi... nessuno può entrare se non lo sai... viene denunciato... chiedilo alla ex Elba...

guardavo i vecchi post stamattina e mi chiedevo:

MA DOVE SONO FINITI DREAM I VARI SINDACALISTI CHE SI CONGRATULAVANO, complimentavano per i STREPITOSI RISULTATI RAGGIUNTI...I VARI COMUNICATORI UFFICIALI?

Comunque fatevi un giretto alla CGIL o CISL e chiedete consiglio:
Lascio o Me Ne Vado?

Comunque visto che mettete sempre in dubbio tutto, non è vero niente, tranne che a giugno non avrete più aiuti statali... io vi lascio...

Aspettate e vedrete, cosa volete che vi dica?

Auguro a Tutti un Buon Natale

Nostradamus

Anonimo ha detto...

Nostradamus te ghe raxon,
non dovemo firmar gniente.

el lavorador incassà

Anonimo ha detto...

finalmente ci si incomincia a comprendere!!niente decreti!si fa slo un piacere al caraffa!! by quello del tfr

Anonimo ha detto...

Finalmente, il buonismo lasciamolo ai leccaculo...
Il decreto se lo infilano dietro se c'è ancora posto... dopo tutto quello che ci hanno fatto-

Gianni

Anonimo ha detto...

Mio Dio che tristezza, nessuno lascia nemmeno un pensiero di Natale per gli operai. A questo punto non posso che dare ragione a colui che si firma NOSTRADAMUS per il totale disinteresse nei nostri confronti, NOI per primi.

Piera linea montaggio

Anonimo ha detto...

Si aspetta almeno l'esito della convocazione al Ministero , per poter avere un argomento concreto
da cui partire.....per il momento sappiamo solo che l'assemblea a Ticineto è stata spostata all' 11 gennaio al rientro degli impiegati, salvo contrordini in giornata.

"Auguri di Buon Natale ed un felice anno nuovo" di cuore
(lo speriamo tutti i fine anno!)non solo a Piera , ma a Tutti i colleghi di Ticineto ,Bassano e Pignataro .

C.Pellegrino

Anonimo ha detto...

esito ministero un grosso buco nell'acqua è finita

Anonimo ha detto...

E' vero.. e' proprio finita.. come qualcuno diceva da tempo.. vendita macchinari.. con cosa si lavora dopo?

Anonimo ha detto...

Ciao Piera..sei sempre bella come una volta? Tanti auguri di buon natale e felice anno nuovo.Non ti dico chi sono.. ma ti dico che lavoro con tua sorella.. forse capisci chi sono.. ciao.

Anonimo ha detto...

Qualcuno sa come è anadato l'incontro di ieri al Ministero?
grazie.
Buon Natale a tutti, speriamo in un 2010 migliore!

BISINELLA RUGGERO ha detto...

SALVE A TUTTI/E E TANTO KE NN ENTRO QUA MA NN E CAMBIATO NULLA ANZI,CMQ VI PORGO I MIEI PIU SINCERI AUGURI DI UN SERENO E BUON NATALE A VOI TUTTI E FAMIGLIE.

Anonimo ha detto...

SCUSATE MA IO NON HO CAPITO NULLA
DOVREI DARE RETTA A UNO CHE SI FIRMA NOSTRADAMUS ?

COSTUI PRETENDE CHE IO LASCI LIQUIDARE LA SILTAL SENZA MUOVERE UN DITO .

MA VI SIETE BEVUTI IL CERVELLO ?

NON VI VIENE IL DUBBIO CHE POTREBBE ESSERE UN IMPIEGATO DI TICINETO CHE CI PRENDE PER IL CULO ?

RIPETO SE LA SILTAL FALLISCE SI RICOMINCIA DA CAPO , ALTRA CASSA ALTRO PROBABILE ACQUIRENTE.

SE LA SILTAL LIQUIDA A LUGLIO LA CASSA FINISCE E ANDATE TUTTI IN MOBILITA'.

A VOI LA SCELTA MA PRIMA ANDATE DA UN LEGALE ANDATE DA UN COMMERCIALISTA ANDATE DOVE VI PARE ... MA PER FAVORE NON CREDETE A GENTE CHE SI FIRMA NOSTRADAMUS !!!

Anonimo ha detto...

incontro al ministero: il Gabrio non ha pagato il TFR per nessun dipendente!!!

Debiti per 50 milioni di euro e io dovrei fidarmi ancora di questo? in ogni caso finita questa cassa NON C'E' NE SARà MAI PIU'!!!

I dipendenti siltal sono in cassa da unba vita, ma cosa credi di fare un nuovo piano e di stare ancora in cassa? sveglia

INFORMATEVI fate quello che volete ma dare ancora una possibilità a questo Gabrio non cambia niente...


SE LA SILTAL FALLISCE NON HAI PIU CASSA INTEGRAZIONE.!!!


LA SILTAL E' GIA' FALLITA, SI DEVE SOLO SCEGLIERE SE CON MORTE VELOCE O UN PO' PIU' LENTA...

CHE FANTASIA... ANCORA CASSA... NEANCHE BABBO NATALE ARRIVA A TANTO... VA BE' CHE CON TUTTI I CREDULONI CHE CI SONO...


e visto che parli di andare da un commercialista o legale FATELO...

e' tutto pignorato, non esistono conti aperti, le banche non daranno mai più niente a GABRIO...

Informati prima di parlare.

chiedi alla Trafomec come stanno, verifica le sue aziende prima di parlare...


A luglio in qualunque caso è finita, i sindacati vogliono fare il decreto per farci avere i soldi fino a luglio niente di più, con il fallimento non ricevi più la cassa però rimane tutto a LUI GRATIS ...

VAI DAL COMMERCIALISTA O LEGALE PRIMA DI SCRIVERE ANCORA CAZZATE

Anonimo ha detto...

IO SONO STATA DA UN AVVOCATO E DAI SINDACATI E MI HANNO DETTO CHE A LUGLIO LA CASSA FINIRA' PER SEMPRE. L'AVVOCATO MI HA DETTO CHE ESISTONO PIU' DI 800 ISTANZE DI FALLIMENTO E CHE IL SIG. CARAFFINI NON PAGA E NON PAGHERA'.

LINEA 1

Anonimo ha detto...

SIETE DAVVERO MALE INFORMATI RAGAZZI ..LA CASSA SE L'AZIENDA VIENE MESSA IN VENDITA PUO'ANCORA DURARE ..INOLTRE NELLA PEGGIO IPOTESI ESISTE LA CASSA IN DEROGA .

POI I DEBITI DELLA SILTAL SONO DI CIRCA 10 VERSO I FORNITORI E 10-12 PER TFR .... CARO NOSTRADAMUS ....CREDO SEMPRE DI PIU' CHE TU SIA PAGATO A CARAFFINI ...

Anonimo ha detto...

NOSTRADAMUS SUPPONIAMO CHE TU ABBIA UN NEGOZIO DI PRESERVATIVI ...DOPO DUE ANNI CHE NON PAGHI I TUOI FORNITORI , I TUOI FORNITORI E DIPENDENTI TI FANNO FALLIRE .
ALLORA SECONDO LA TUA IPOTESI VISTO CHE SEI FALLITO TI PUOI TENERE TUTTO ANCHE IL NEGOZIO E I PROFILATTICI .. VERO ?

SAREBBE TROPPO BELLO FALLIRE E CONSERVARE TUTTO AHAHAHAH

USA I PROFILATTICI COME COPRICAPO NOSTRADAMUS ... SEI SOLO UN GRAN CAZ.......

Anonimo ha detto...

NOSTRADAMUS FAI UN PARTITO !

TI METTI IN UNA COALIZIONE CON BOSSI !

LA LEGA C'E L'HA DURO E TU FORNISCI I CAPPUCCI !!!!!

AHAHAHAHAH

Anonimo ha detto...

Ridete e aspettate...
Vi hanno dato una cassa per ristrutturazione ed è il secondo anno, il massimo consentito dalla legge.

Cosa volete altri anni in cassa?

Tranquilla tra poco arriva la befana e i creduloni ci sono sempre...
poi il circo e così via...
INFORMATEVI

Anonimo ha detto...

P.S. se il governo vuole ...fa quello che gli pare.se ne fregano delle leggi se con la crisi attuale si deve cercare di salvare qualche posto di lavoro...
non puo' sempre essere cosi' nera.

Anonimo ha detto...

Esiste anche la cassa integrazione per fallimento e sono 12 mesi+altri 6 e nel frattempo essendo la Siltal in fallimento diventa molto appetibile.
NOSTRADAMUS l'hai già presa la bustarella dal Caraffini per divulgazione di notizie false????

Anonimo ha detto...

Nostradamus ma tu che ci quadagni ?

A dimenticavo vuoi i tuoi 3000 euro di tfr subito e non tra qualche anno vero ?

Tranquillo ti riarai vendendo i pupazzetti del Caraffa al mercato .

AHAHAAHAAHH

Anonimo ha detto...

Nostadamus la legge dice 3 anni in un quinquennio .

Con 6 mesi di cassa in deroga si potrebbe passare al secondo quinquennio .

Dopo si comincia da capo altri 3 anni in un quinquennio .

Caro nostradamus sei proprio mona !

Anonimo ha detto...

Nostradamus tu non sei piu' un dipendente della siltal !

Vai a scrivere nel blog della SETTEBELLO !

AHAHAHAH

Anonimo ha detto...

Scusatemi ma mi sembra che i toni si siano accesi un pò troppo. Secondo me che ho parlato con i sindacati dicono che è difficile ancora cassa ma non si sa mai. comunque siamo in mano a dei ladri ed è vero che sono spariti tutti. questa mi sembra tanto la guerra dei poveri. asnche se ci danno la cassa come possiamo vivere con 600 euro al mese? e qui a bassano nessuno ci prende a lavorare,chi ha lavorato alla siltal passa per sfaticato.cosa mi interessa della cassa, prima o dopo passerà e non avremo più l'età per avere lavoro.

Piera Linea 1

Anonimo ha detto...

Ciao Piera sono un tuo "ex" collega che lavora alla Baxi. Mi spiace della vostra situazione ma sinceramente da quello che dicono al nostro interno, hanno fatto un'offerta per comprarla ma nessuno ha risposto. Sembra proprio che vogliono renderla fabbricabile per latre casette residenziali. Speriamo di no... Tanti auguri a tutti voi

Anonimo ha detto...

Che pena cari ex colleghi, ma non vedete che vi state riducendo a litigare per una frase. Ha riagione quel Nostradamus di ticineto che non c'è più niente da fare!

Erano giorni che nessuno scriveva più e adesso che qualcuno che forse sa ma non lo so, e ora tutti vivi a dire che ci aspettano altri anni da mendicanti.
Abbiamo bisogno di lavoro non di elemosina.
Mi vergogno di tutto cio.

DREAM

Anonimo ha detto...

Visto che il lavoro per il momento tanto facilmente non si trova,meglio 600 euro che niente!!!!!
E' una piccola goccia ma và bene pure quella!!!

Anonimo ha detto...

Ma non vi rendete conto che state litigando perche' non volete rendervi conto che e' finita? ha ragione la Piera.. la verita' e' che non c'e' piu' niente da fare.. e lavoro non ce n'e' per nessuno.. specialmente donne e per chi ha una certa eta'.. prima non scriveva piu' nessuno.. adesso tutti risuscitati..criticate tutti nostradamus.. ma lui dice come stanno le cose.. un vostro ex collega (per fortuna) Ciao Piera.

Anonimo ha detto...

ma vergognatevi, un blog dovrebbe fare da collante non una raccolta di immondizie. ma chi ci legge cosa potrebbe pensare di noi?
Io quando vado in giro per Bassano e leggo della Siltal mi vergogno come un cane, stiamo passando per dei parassiti. parliamo tanto ma alla fine non facciamo niente.
Ha ragione Nostradamus.

Anonimo ha detto...

Quanto falso buonismo!!!!!!

Anonimo ha detto...

e allora vai da un'altra parte che con il tuo buonismos tiamo facendo i mendicanti

Anonimo ha detto...

Questo è quello che è rimasto della Siltal: macerie umane

Beato chi è riuscito a scappare in tempo.
Qualcuno molto in alto mi aveva sempre detto: quando me ne vado io vuol dire che è finita".

Aveva ragione

Grazia

Anonimo ha detto...

Visto che eri stata avvisata perchè non te la sei data a gambe.

Sei rimasta nelle macerie Umane!!!!

Basta falso buonismo,qui vi lamentate per l'elemosina che ricevete quando vi si trova in giro al mercato siete allegri....

Quanta ipocrisia,non tutti ma una gran parte!!!

Anonimo ha detto...

Contento Tu, dalla rabbia con cui parli sig. Anonimo non mi sebri tanto felice. Continuare a sperare perchè? sei un sindacalista che vuole prendere tempo per le cazzate fatte?

Mi sembra proprio di si.

Andare al mercato non vuol dire comprare ma solo trovare un pò di conforto. Non sono riuscita a scappare per l'età e perchè una donna fa fatica a trovare. Non come Te che ti nascondi sicuramente dietro qualche siglia sindacale e magari sei già a posto.

Grazia

Anonimo ha detto...

Vi siete scagliati contro Nostradamus che secondo me ha detto solo la verità. Sicuramente accettarla non è semplice ma è sempre la verità. Cosa abbiamo ascoltato finora se non solo frottole? certo meglio 600 euro di niente ma quando finiranno non sarà troppo tardi? e se ricominciare fosse ora il momento? comunque dobbiamo essere tutti d'accordo sul da farsi. tutti assieme.

Piera linea 1

Anonimo ha detto...

ma dove sono finiti gli amministrati di questo blog?

spariti tutti?


che bello in fondo questa è la situazione attuale, tutti da soli


Ruggero

Anonimo ha detto...

Caro Nostradamus è meglio che non scrivi più su questo blog, perdi solo tempo, noi vogliamo solo favole.
Crediamo sempre alle favole dei sindacati, NOI.

Laura Caroselli

Anonimo ha detto...

DOVE SONO FINITI I SINDACATI IN QUESTI GIORNI DI FESTA? CI AVETE ABBANDONATI ORA CHE VI SERVIAMO PIU'!

LAURA

Anonimo ha detto...

Buongiorno mi chiamo Tiziana e tutti mi conoscono all'interno della Siltal. Ho aperto questo Blog una decina di giorni fà e mi devo dire che non mi riconosco in queste persone che scrivono. Sicuramente a Bassano non aprirà più, allora evitiamola con questi falsi proclami di vittoria. Cosa volete che ci importi di un'altro anno dicassa integrazione? e' vero meglio che niente ma piuttosto che regalare la fabbrica al sig. Caraffini io non firmo niente!!! basta decreti o cazzate varie. Non ci hanno portato a niente, e basta con questi sindacati che si offendono sempre in ANONIMO naturalmnete!!! Poverini ma i dieci euro al mese li vogliono ancora adesso!!!

Per non parlare di tutti quelli tra RSU RLS che STRANAMENTE hanno trovato tutti un lavoro, alcuni all'interno di in sindacato anche,che se li trovi per strada fingono di non vederti per non vergognarsi e per darti spiegazioni, le unich eparole sono sempre le solite: dai che tra poco finirà, ti daranno anora un pò di cassa. Ma lo sapete che non ci vuole nessuno a Bassano?

Scusate lo sfogo ma è ora di finirla , al Caraffini non firmo più niente.

Tiziana

Anonimo ha detto...

Partendo dal presupposto che tanto si sà che la Siltal non riaprirà piu' i battenti e dal fatto che in giro si trova poco o niente io dopo luglio 2010 se danno ancora cassa non ci sputerei tanto sopra!!!
C'è una mia amica che lavora presso il nuovo centro commerciale a Bassano per 380 euro al mese,la chiamano loro a ore e negli orari che vogliono fatti 4 conti cara Tiziana.
Fprse tu di quei soldi non ne hai bisogno e allora visto che sei indignata perchè non ti licenzi???
Se tu venissi alle assemble specialmente l'ultima avresti saputo che i sindacati stanno lavorando in maniera che la fabbrica non rimanga a Caraffini,perciò invece di farti gli affari tuoi cerca di partecipare!!!!

Anonimo ha detto...

Mamma mia che rabbia.

caro sindacalista o amico di essi all'ultima assemblea io c'ero e Ti dirò di più: hanno detto che cercheranno ma i giochi sono fatti, loro non possono fare niente di più!!

con il decreto che dovremo firmare la fabbrica rimane a lui.

Certo che non ci sputo sopra ai 300 euro ma dopo? vedo comunque che sei uno di loro quindi è tempo perso.


Tiziana

Anonimo ha detto...

Sbagliato non sono uno di loro
il fatto è che vedo la realtà che abbiamo intorno e non disdegno i 600 euro (lo sò che non sono molti per il costo della vita ma quando li definite elemosina mi incazzo,gli interinali lavorano anche un mese a 800 euro,noi ne prendiamo 600 rimanendo a casa).
Nelle fabbriche adesso ti assumono solo come interinale e c'è gente che a 45 anni non è piu' padrona della propria vita(causa orari strampalati)per la misera somma di 800/900 euro perciò ribadisco ok non riapre ma se tiriamo avanti ancora qualche anno potrebbe diminuire la crisi in corso e aprirsi qualche spiraglio migliore.

Anonimo ha detto...

Scusate sono un ex impiegato di ticineto che si e' licenziato nel 2005 sono laureato in economia e vorrei capire cosa vi ha chiesto il sindacato .
Se posso essere di aiuto ...fatemi capire per cosa state litigando ?

P.A

Anonimo ha detto...

Roma - Ieri si è tenuto l’incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico tra le parti sociali con i commissari liquidatori della Siltal. Durante il vertice sarebbe emersa un’ esposizione finanziaria dell’azienda che si attesterebbe intorno ai 50 milioni di euro. 20 sarebbero i milioni non versati per il Tfr dei lavoratori, altrettanti le spettanze dovute alle precedenti gestioni commissariali. Una decina di milioni sarebbero invece i debiti per i mancati pagamenti di enti e fornitori.
Nella fabbrica pignatarese di via Del Conte,che occupa circa 280 dipendenti, fonti sindacali riferiscono di una mancata garanzia dei servizi essenziali, tra i quali l’erogazione della corrente elettrica, con il rischio di danneggiamenti agli impianti.
Il tavolo ministeriale è stato aggiornato al prossimo 18 gennaio. Le parti sociali fanno sapere che senza il pagamento degli stipendi non ci saranno margini di trattativa.

P.A

Anonimo ha detto...

cari amici, sono di bassano, ieri per caso, tornavo da vercelli e sono passato sulla ss 31 a occimiano davanti alla ex iar..beh, non vi nascondo lo spettacolo che ho visto..ero stato parecchie volte in quella sede ai tempi di massima espansione, ora, vetri rotti, erbacce ecc.. così come ero stato ad abbiategrasso, che so essere ancora peggio. Bassano, beh, a bassano mancano i vetri rotti, ma erbacce e infiltrazioni varie non mancano. Io dico solo che, non lavorando da tempo più in siltal ed essendo di bassano, sento i commenti della gente quando si parla della siltal e sopratutto dei dipendenti. Beh, ogni volta mi incazzo, e di brutto. perche 1500 frigoriferi al giorno, quando si facevano, mica venivano fatti da soli, e se la qualità era quella che era, certamente non era per volontà del singolo dipendente, quello sicuramente. Poi..l'assenteismo??? dove sono io adesso, non c'è molta differenza, così come nella media delle industrie in genere. Ogni tanto leggo le vicissitudine del 1975 delle Smalterie, delle lotte dure, dei presidi ecc, ma pensavate che i westen erano migliori dei caraffini??, pensavate che la gente in giro parlasse bene dei dipendenti delle smalterie?? certo mi direte, erano altri tempi.. invece no! tempi o no, anche allora c'era qualcuno che voleva fare case e parcheggi, invece oggi in quelle case e in quei parcheggi c'è ancora la baxi e la siltal. Questo grazie a chi?? semplicemente alla volontà e alla determinazione di un manipolo di persone, che allora stava davanti ai cancelli e davanti al municipio di bassano, oggi invece sta qui sul blog. Ma credo che le idee e la volontà sia sempre quella. Basterebbe un pò di buona volontà, di sapersi organizzare, di evitare il singolo protagonismo personale o di sindacato. Oggi ci sarebbero mille mezzi per lottare. Invece... pensate, pensate a quei presidi di natale del 1975, fatti di povere persone, poveri capifamiglia, ma determinati fino all'ultimo, e non avevano nulla, solo forza di volontà, sfidavano ad entrare l'allora commissario, prendevano iniziative rischiose. Il sindacato nella buona o cattiva sorte era la, presente. Sono convinto che se si muove uno, si muovono tutti. E chi dice che non servirebbe a niente, è proprio colui che non vede l'ora che qualcuno inizi. la misura non è colma, è tracimata.

Anonimo ha detto...

Non sò chi tu sia ma ti faccio i miei complimenti per ciò che hai scritto e per quello che ci hai trasmesso.
Un grazie di cuore.

Anonimo ha detto...

ABBIAMO DEI DOVERI MORALI!!!!!! A BASSANO ERAVAMO E SIAMO LA SECONDA AZIENDA PIU' GRANDE!!!!!!!!!! SE NON FACCIAMO NIENTE NOI, FIGURIAMOCI I PIU' PICCOLI!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ma perchè non andiamo tutti assieme in cima alla ciminiera della IAR?

Tutti al primo dell'anno alle ore 9 davanti ai cancelli.

Io ci sarò.

Michele

Anonimo ha detto...

ok anche io.

Dario

Anonimo ha detto...

Ma perchè non ripristiniamo il presidio?

Se volete io porto le tende!

Bepi

Anonimo ha detto...

Scusatemi potremmo giocarci la carta Cimatti,tentare non nuoce.

A me sembra un sindaco molto per bene è riuscito a fare annullare persino il progetto delle torri Portoghesi già sottoscritto e firmato dalla precedente amministrazione del sindaco Bizzotto...questo a conferma che se vogliono possono fare tanto.
Magari può mettere un sigillo sulla Siltal in maniera che se viene chiusa per sempre lasciandioci in mezzo ad una strada lì non si possa fare piu' niente se non un meraviglioso parco verde per la città!!!
Così il Caraffini non ci guadagna niente: Niente noi e niente pure lui.

BISINELLA RUGGERO ha detto...

MA XKE NN FACCIAMO OCCUPAZIONE DI FABBRICA ENTRIAMO E ANDIAMO SUL TETTO SONO SICURO KE STAVOLTA ARRIVANO LE TV NAZIONALI COME NELLE ALTRE DITTE.

Anonimo ha detto...

dovremmo andare tutti a roma ..non sotto il ministero ma sotto il parlamento ..sederci li in sciopero della fame ...forse si accorgeranno che siamo piu' importanti di veline e vip !!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Bravo Bisi.. mi vegno con ti..porta su anca el caneo che saldemo i lucernari rotti..

BISINELLA RUGGERO ha detto...

CMQ SE AVETE INTENZIONE DI ENTRARE E SALIRE SUI TETTI E RIMANERCI( SI AM NO IN 4 XKE CI SPUTANO IN UN OKKIO) IO MI METTO IN PRIMA LINEA ASPETTO KI VIENE CN ME,MA SALIAMO X RESTARCI FINKE NN CI DANNO RISPOSTE SICURE....

Anonimo ha detto...

Ma la Siltal era anche parte della IAR, ex Areilos?
Da dipendente di un fornitore (fallito anche grazie al loro insoluto) mi chiedo se non sarebbe davvero logico guardare alle vicende passate e prenderne spunto per le opportune precauzioni.
Antani

tony.jordan ha detto...

Sono un lavoratore di Pignataro Maggiore,chiedo se avete già firmato i modelli SR41 di febbraio

Achille ha detto...

si firmato

Anonimo ha detto...

Ragazzi sono un fornitore di Siltal. I liquidatori non sono reperibili,ho intenzione di fare un decreto ingiuntivo ed eventualmente fare dichiarare fallimento. Vi farebbe comodo? Se siete d'accordo lo faro.

Anonimo ha detto...

La meneghetti ha messo in CIGO i suoi 200 dipendenti e nel contempo ha messo in mobilità tutti i dipendenti della Fulgor srl..